News

Le parole del presidente Ciolfi dopo la roboante vittoria dei suoi Boars contro l’Estra Siena

30 Lug , 2020  

di Emanuele Tinari

Un 22-0 che lascia poco spazio a repliche. Così i grossetani di Boars si sono imposti in trasferta per manifesta al settimo contro la formazione senese.

“In precedenza c’era stata qualche polemica via social, non partita da noi. Proprio per questo la squadra ci teneva più del solito a fare bene, a partire dall’ex Sacchi, lanciatore partente che ha tirato un complete game con 14 strikeout, due valide ed una base concessa. Ci tenevo che il ragazzo trovasse la fiducia sul monte perchè ha molte qualità ma le sue prestazioni non sempre erano state positive. Doveva liberarsi da un pò di pressione e per questo ha continuato fino alla fine. Ha effettuato 84 lanci, si sentiva bene e da ex pitcher mi sarei arrabbiato se mi avessero tolto dopo una partita del genere”.

I Boars dopo la sconfitta di Arezzo sembrano aver trovato la quadratura anche se il Siena è una formazione fuori classifica.

“Loro sono una squadra formata quasi per intero da giocatori latini americani. Non c’era un italiano in campo dall’inizio contro di noi e per questo non avendo il numero richiesto di AFI sono fuori classifica. Ho anche giocato lì a Siena dove disputammo un’ottima stagione levandoci la soddisfazione di battere il Padule, gli unici a riuscirci. Avevo ancora un po’ di affetto per la maglia, ma viste le ultime polemiche sulla nostra squadra, sul fatto che siamo una squadra “vecchia” ed altre dichiarazioni non piacevoli, ne ho meno. Sono alla terza sconfitta per manifesta dall’inizio della stagione, hanno dei ragazzi che conosco anche di buone qualità, però sul perchè si perdano dei giocatori bisogna farsi anche delle domande. Per quanto riguardil campionato posso dire che è molto strano per ora. Abbiamo perso ad Arezzo 11-7  dopo una pessima partenza e penso che per il primo posto sia un discorso tra noi e loro. Dovremmo essere bravi a non perdere altre partite e vincere lo scontro diretto in casa nostra. Abbiamo ricominciato il 24 giugno e si è iniziato il campionato praticamente una settimana dopo, non c’era ritmo tra i lanciatori, occhio in battuta, ora la squadra sta iniziando a girare per bene. Domenica andremo a San Casciano, non sarà facile, ma non possiamo farci scappare questa occasione perchè il campionato è corto”.